Empty Avatar
onsdag 25 november 2020
Giochi senza schema

Vi è mai capitato di fantasticare sulla possibilità di fare uno scambio separato? Avete così tanta fiducia l'uno nell'altra da permettere al vostro uomo, alla vostra donna di uscire da solo/a con un'altra coppia o con un/ una singolo/a mentre voi state a casa in attesa, se va bene, di qualche messaggio, qualche foto, una veloce telefonata o, nella "peggiore " delle ipotesi, in assoluta solitudine ed estenuante attesa? E poi, al rientro, quali emozioni provereste? Sia tu che te la sei "spassata" in solitaria, sia tu che hai aspettato per tutto quel tempo, come vi sentireste? Noi pensiamo che sarebbe bellissimo riuscire a non essere gelosi di situazioni come queste, quindi ogni tanto queste fantasie ce le concediamo...alcune volte però non si è trattato di semplici fantasie...

Ad un certo punto della nostra esperienza di coppia scambista abbiamo fantasticato sulla possibilità di entrare "scoppiati" in una Spa libertina mescolando gli "accoppiamenti"coi nostri amici Martina e Sandro, sarebbe stato il modo per concederci qualche reciproca libertà in più, un marito che non deve tenere d'occhio lo stato d'animo di una moglie non troppo disinvolta, può sicuramente esprimersi al meglio con al suo fianco una donna esperta che non è la sua e una moglie un po' timida ma dall'indole esibizionista può sentirsi più libera di muoversi.E' un po' come fare le parole crociate senza schema, hai un reticolo entro il quale giocare ed esprimerti, ma non conosci un granché dello schema di gioco.Puo' essere molto ma molto eccitante....

Ed ecco quindi che Fabrizio entra alla Spa con Martina e Serena si presenta dopo 10 tattici minuti con Sandro.

Atteggiamento disinvolto, nel locale sono già entrati tutti e 4 molte altre volte e alla reception probabilmente si ricordano chi sta con chi ma...se si entra in coppia e si possiede la tessera di coppia, non possono stare a sottilizzare più di tanto. Anche se il ragazzo alla cassa ha una faccia più stralunata del solito. Forse qualcosa non gli torna?...

Ci ritroviamo tutti e 4 nello spogliatoio e il cambio d'abiti è un po' caotico visto che comunque ogni coppia è arrivata con una sola borsa.Ma il passaggio dallo spogliatoio alla zona Spa avviene con scioltezza a coppie già scambiate. Decidiamo di non rimanere tutti e 4 insieme e ci concediamo un'oretta di giro libero nei locali della Spa e negli spazi esterni.

Anche solo sentirsi addosso gli sguardi altrui è una sensazione nuova, tu sai che sei in una condizione diversa dal solito, chi ti conosce ti guarda con aria interrogativa, non sa se salutarti o fingere di non conoscerti, ma tu, spavalda saluti per prima e presenti il tuo compagno del momento: "Ciao Paolo, ciao Alessandra, questo è il mio amico Sandro, non lo conoscete? Eppure anche lui frequenta da tanto questo locale".

Paolo e Alessandra salutano per cortesia, "Ciao Serena, che piacere vederti, come va?"Sono molto più imbarazzati di te e mentre si allontanano parlottano tra di loro, si staranno chiedendo che fine ha fatto Fabrizio, gli siete sempre sembrati una coppia così unita....non sanno che molto probabilmente lo incontreranno tra poco insieme a Martina.

Camminare mezzi nudi mano nella mano con uno che non è tuo marito nel giardino di un locale per scambisti può non sembrare affatto trasgressivo, dipende da quanta esperienza nel settore si possiede.

Serena non è una super esperta e tutto ciò che è nuovo la spaventa un po' ma di Sandro si fida, lo conosce da un annetto, insieme a Fabrizio è stata a casa sua e di Martina e hanno già ben collaudato l'intesa sessuale. Sandro però già una volta aveva testato il livello di trasgressione di Serena proponendole, durante un weekend passato insieme, di dormire a coppie scambiate e... incredibile ma vero... Serena aveva esitato prima di rispondere quel "No, non mi sembra il caso" che aveva ricondotto il tutto ad un nulla di fatto....chissà però come sarebbe andata se invece avesse risposto di sì.

Ora Serena e Sandro sono entrati, quasi senza accorgersene, nella zona privé all'aperto che tanto piace a Serena quanto non piace a suo marito Fabrizio, ma ora lui non c'è e il "marito" di questa sera non fa nessuna obiezione....anzi....

A Serena fare sesso all'aperto sotto la luce del sole o al bagliore della luna piace molto, le da un senso completo di libertà perché non è una condizione in cui capiti spesso di poterlo fare, nonostante qui non ci sia modo di isolarsi del tutto.Suo marito Fabrizio invece è più cauto e l'impossibilità di appartarsi in modo sicuro lo tiene in uno stato di allerta che gli limita l'eccitazione.

Sandro e Serena scelgono uno dei lettoni matrimoniale in fondo al percorso del privé e si sdraiano insieme sul lenzuolo appena disteso.

Serena indossa un gonnellino effetto pizzo di colore azzurro che poco lascia all'immaginazione e nella parte superiore è nuda, col suo seno piccolo ma ancora sodo nonostante non sia più una ragazzina.

Sono entrambi sdraiati su un fianco, Sandro alle spalle di Serena in quella posizione definita da certi manuali "a cucchiaio".Anche solo il respiro e le parole di Sandro creano sulla schiena di lei un effetto eccitante, quella pelle d'oca che viene quando qualcuno ti bisbiglia in un orecchio. Serena adora farsi sfiorare il collo e lui lo sa, ecco quindi che inizia ad accarezzarla e a baciarla nell'incavo tra le spalle e le orecchie, prima sul lato destro, poi su quello sinistro, Serena sente dei brividi correrle lungo la schiena e si mette a pancia in giù per offrire al suo compagno tutta la sua schiena da baciare e magari anche da mordere.Sandro capisce che Serena si sta rilassando e abbandonando e con tocco delicato inizia a massaggiarla sulle spalle, sul tronco, scende verso i fianchi e cerca di togliere di mezzo il gonnellino azzurro, Serena sospinge i fianchi verso l'alto per agevolare l'operazione e Sandro coglie l'occasione al volo per accentuare la posizione e Serena si ritrova a quattro zampe.Le mani di Sandro sulla schiena di Serena continuano il loro massaggio ma ora Serena è completamente nuda e il suo bel sedere tornito è molto, troppo a portata di mano. All'inizio sono semplici carezze che dall'esterno del fianco scendono verso l'interno della coscia, poi con fare sempre più deciso le mani di Sandro si insinuano tra le cosce che Serena nel frattempo ha aperto sempre di più e quando arrivano a toccarla Serena è già inumidita perché è così che manifesta l'eccitazione del momento, a Sandro non rimane che iniziare a sfiorarla con le dita , alternando movimenti lenti a movimenti più veloci, prima con un solo dito poi con due contemporaneamente.

Essere toccata da dietro da qualcuno, pur sapendo chi è, lascia sempre un po' di spazio all'immaginazione e la fantasia di essere lì con uno "sconosciuto", ma sconosciuto per davvero, rende tutto molto eccitante.

Serena non fa in tempo a pensarlo , a fantasticarlo, a desiderarlo, che Sandro inizia a leccarla con la sua lingua esperta e ritmata alternando guizzi profondi a piccoli risucchi a bocca aperta. Lei ora è tutta bagnata, le labbra della bocca di Sandro incollate alle labbra del sesso di Serena e poi le loro bocche si cercano e si baciano avidamente, dando a Serena la sensazione di stare un po' facendo sesso con se stessa.

È il momento di ricambiare tutto questo ardore, tutta questa passione che scorre tra di loro e Serena si gira, ora è in ginocchio di fronte a Sandro, i loro occhi si guardano e senza bisogno di parole ora è lei ad abbassare la sua testa tra le sue gambe e ad iniziare a giocare col suo membro turgido, gonfio, in piena erezione , dandogli piccoli bacetti partendo dalla base, con la sua pelle liscia e morbida e risalendo sulla sommità dalla pelle tesa e già un po' umida, poi lo afferra con una mano, lo stringe, lo lascia e con leggeri sfioramenti con due o tre dita insieme lo percorre come a volergli fare un leggero solletico, dall'alto verso il basso e poi risale, dal basso verso l'alto e poi di nuovo, da su a giù, da giù a su.

Queste piccole carezze, è provato, rinvigoriscono ulteriormente, se mai ce ne fosse bisogno, un Sandro già molto eccitato e desideroso di passare a qualcosa di più concreto.

Serena si lega i lunghi capelli, abbassa la sua testa e accoglie tra le sue labbra l'asta di Sandro cercando di farla affondare il più possibile nella sua bocca, ora inizia a muoversi di nuovo in su e in giù roteando la lingua che bagna e avviluppa all'interno della bocca quell'essere che pare vivere di vita propria e sembra gonfiarsi e pulsare ancora e sempre di più.

Sandro fatica a resistere ma non vuole che la loro serata a coppie scambiate finisca così.

Si sdraia e Serena gli sale sopra a cavalcioni, aiutandolo a penetrarla.

Da questa posizione Serena si dimena, si alza e si abbassa su di lui con un ritmo sempre più frenetico facendo aderire le sue natiche al bacino di Sandro e contraendosi tutta ad ogni spinta che riceve da lui, il fiato si fa sempre più corto ed inizia a gemere in maniera un po' rumorosa.Ad un certo punto Serena si ferma, si accovaccia su di lui, gli bisbiglia qualcosa all'orecchio....dietro il canneto provvisorio che separa il loro angolo dagli altri angoli di questo "privé"si scorgono alcune persone intente ad osservarli, ci sono due singoli, in stato di evidente eccitazione, che sarebbero pronti ad entrare in scena al minimo cenno, e una coppia che, curiosa, li guarda e mentre li guarda si bacia e mentre si bacia si masturba reciprocamente.

Serena non si lascia distrarre, in fondo ha un dubbio ma non è sicura, quindi continua il suo ritmato galoppo con Sandro e dopo qualche colpo ben affondato emette un gemito più lungo e madida di sudore si accascia sul petto di Sandro cercando la sua bocca per un ultimo bacio e il suo orecchio per confermarlo " Sono loro..." .

Empty Avatar

Bellissimo ed eccitante racconto !